parroci

Patente sospesa. Nemmeno i parroci possono salvarsi.

Patente sospesa. Nemmeno i parroci possono salvarsi.

E’ successo in zona fiume Adda e più precisamente sulla ex Statale 11, che porta appunto dal fiume Adda a Brescia. Il Parroco di Fara Gera D’Adda don Luigi Baggi, ex parroco di Trecella si è visto comminare una sanzione, con patente sospesa perché risultato positivo ad un controllo stradale alcol test fatto dalle forze dell’ordine. Patente sospesa, quindi dopo essere uscito dal ristorante che è uso frequentare settimanalmente a Cassano d’Adda dopo aver fatto una manovra che è stata vista dagli uomini delle forze dell’ordine appunto impegnati a garantire la sicurezza stradale.

Il test dell’etilometro ha dato esito positivo per il parroco seppur di poco risultato finale: patente sospesa.

Ma ripercorriamo l’accaduto. Don Luigi Baggi esce dal solito ristorante di Cassano D’Adda frequentato quasi tutte le domeniche a pranzo.

Il parroco di Fara Gera D’Adda si mette quindi alla guida della sua Golf con la quale compie un’infrazione, probabilmente un attraversamento di carreggiata non consentito. Purtroppo per lui la manovra viene immediatamente notata da una pattuglia delle forze dell’ordine, non sappiamo se Carabinieri o Polizia Stradale, impegnati, come dicevamo nel pattugliamento di quel tratto di strada, la ex Statale 11 che porta nel bresciano.

>> Hai bisogno di qualcuno che guidi la tua auto? C’è CiaoAldo.com autisti che guidano la tua auto, clicca qui per scoprire di più.

A questo punto dopo un inseguimento di qualche centinaio di metri, partito da poco lontano dal ristorante Don Luigi viene fermato. E con la procedura di rito, quindi con la richiesta di patente e libretto – ovviamente in regola – viene invitato alla prova dell’etilometro. Che, pur di poco, da un risultato oltre il consentito. E quindi per gli agenti scatta l’obbligo del verbale che oltre alla sanzione pecuniaria per l’infrazione porterà per il parroco di Fara Gera D’Adda alla patente sospesa.

La sospensione della patente quindi si può dire che non faccia differenze! Colpisce anche i religiosi!

 

Tags:
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares