Si può guidare con un arto ingessato? La risposta

Questo periodo di lockdown e il successivo via libera ci hanno regalato delle perle in materia di trasgressori alla guida che non contenti di contravvenire alla chiusura si mettevano alla guida anche trasgredendo la legge. Siamo passati in 3 mesi da persone che si mettevano all aguida senza patente o con patente scaduta ad addirittura persone che in piena chiusura si mettevano alla guida sotto effetto di alcool e stupefacenti. Insomma un tripudio di scemenza. L’ultimo episodio in termini di tempo è stato quello che ha visto protagonista un sardo di 55 anni che si è schiantato con la sua auto perché guidava con il gesso. Il signore in questione si sarà posto la domanda se si può guidare con un arto ingessato?

Cosa dice il codice della strada sulla guida con il gesso.

Certo, si potrebbe contestare che il Codice della strada non si esprime in modo chiaro e netto in materia poiché l’articolo interessato recita proprio così:

L’art 140, comma 2 : «Il conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile»

Non vogliamo giustificare il legislatore ma il corpo umano ha più di 200 ossa e non possiamo immaginare una disamina degli infortuni per poter determinare quali siano o meno le categoria di infrazione.

Resta il fatto che se non si è in grado di controllare il proprio veicolo non ci si dovrebbe mettere alla guida esattamente come per l’uso di sostanze stupefacenti o alcol oppure ancora la guida utilizzando lo smartphone.

Si può sempre optare per qualcuno che guidi la propria auto, amici o parenti o il servizio tutto italiano chiamato CiaoAldo, una piattaforma di driver a soli 10€/h che guidano l’auto dei clienti così loro possono bere, usare il telefono e spostarsi anche a seguito di infortuni.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares