telefonare in auto

Telefonare in auto: contestazione e prova

Telefonare in auto: contestazione e prova

Telefonare in auto: Cosa succede se si telefona in auto senza vivavoce o auricolare e si riceve la multa successivamente?

Ricordiamo che non è obbligatoria la contestazione immediata da parte del pubblico ufficiale, se ci fa una contravvenzione. Anche perché se gli agenti di pubblica sicurezza non sono in grado di bloccare l’auto per motivi di intralcio alla circolazione ecc. ecc., la contravvenzione può essere inviata con una bella raccomandata con ricevuta di ritorno.

Quando autista invece ritenga che in quel momento avrebbe potuto essere fermato, poiché non sussistevano le condizioni ostative di cui sopra -a suo parere – allora si può impugnare la contravvenzione, perché le regole generali dicono che la contestazione deve essere immediata.

Sarà poi evidentemente il giudice a decidere.

Qualora scatti un a contestazione tra il pubblico ufficiale ed il driver cosa succede?

Intanto va ricordato che telefonare in auto non è ammesso e nemmeno tenere il cellualre in mano, ma si parla con il vivavoce intero. In secondo luogo la parola del pubblico ufficiale ha più valore di quella del semplice cittadino. La Corte di cassazione ha però stabilito che non è sufficiente fare ricorso e presentare documentazione probante, come ad esempio tabulati telefonici. Si deve iniziare un procedimento che si chiama querela di falso.

Infatti il Codice Civile recita: «l’atto pubblico – quello cioè redatto dal pubblico ufficiale come appunto il vigile – fa “piena prova fino a querela di falso” (…) dei fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza».

Tutto questo in parole povere significa che il pubblico ufficiale non sarà chiamato a testimoniare, mentre invece chi ricorre contro il verbale dovrà fare il ricorso al giudice di pace entro i famosi trenta giorni, che partono dalla notifica e successivamente fare partire il provvedimento di querela di falso per dimostrare con tutto il materiale probante che il pubblico ufficiale ha detto il falso. E questo non è semplice come raccontarlo!

Grazie da Patentesospesa.it

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares